domenica 23 giugno 2013

Riceviamo dalla Associazione Nessuno Tocchi Caino


INDIANA (USA): PAULA COOPER È LIBERA
17 giugno 2013: Paula Cooper, condannata a morte all'età di 16 anni, ha lasciato il carcere oggi dopo 24 anni.

La ragazza a suo tempo fu al centro di una contesa giuridica, e di una campagna internazionale che la prese a simbolo della battaglia contro la pena di morte applicata ai minorenni. Fu, all'epoca, una delle prime iniziative internazionali organizzate da Nessuno tocchi Caino.
Paula Cooper, una ragazza di colore, aveva 16 anni quando, nel 1986, è stata condannata a morte per aver ucciso, nel 1985, una anziana insegnante di studi biblici. All'epoca Paula Cooper era anche la più giovane detenuta nei bracci della morte degli Stati Uniti.
Per molti, Cooper era un mostro per il quale non aveva senso parlare di riabilitazione. Ma altri la videro come una vittima di un'infanzia piena di abusi, e di un sistema giudiziario fortemente contaminato dal razzismo.
Una sfida legale mossa allo stesso concetto di "pena di morte per i minori", una campagna di solidarietà internazionale, e l'appello di molte persone comuni e personalità, tra cui Papa Giovanni Paolo II, hanno salvato la vita di Cooper.
La Corte Suprema dell'Indiana ha commutato la condanna a morte nel 1989, sostituendola con una condanna a 60 anni. Dopo l'attenzione dei media in quel periodo, Paula negli ultimi 24 anni ha vissuto in una relativa oscurità.
Lunedì 17 giugno, Cooper proverà a lasciare tutto questo dietro di lei quando uscirà dal Penitenziario di Rockville.
Avrà 43 anni nel momento in cui riassaggerà la libertà dopo il suo arresto nel 1985.
Cooper aveva 15 anni quando fu accusata di omicidio per l'accoltellamento di Ruth Pelke, 78 anni, bianca, durante una rapina. Assieme a lei furono arrestate altre 3 adolescenti, condannate a pene minori e tutte già scarcerate.
Dove Cooper andrà e cosa ha intenzione di fare rimanere poco chiaro. Non ha risposto ad una richiesta di intervista da parte del quotidiano The Indianapolis Star.
Quello che si sa è che lei lascerà carcere, come prevede la legge, con " almeno 75 dollari, e un vestito nuovo fornito dallo Stato". In più ha un diploma di laurea, secondo il portavoce dell'Amministrazione Penitenziaria Douglas Garrison.
Bill Pelke, un nipote della vittima, che ha perdonato Paula e nel corso degli anni è diventato un militante della lotta contro la pena di morte, è preoccupato: "La mia preoccupazione principale è vedere che si possa sistemare in qualche modo, e che trovi un lavoro". Per il resto non ha voluto commentare il rilascio di Paula perché, ha aggiunto: "La copertura mediatica potrebbe complicare ulteriormente il già difficile compito di ricostruirsi una vita".
La sorella della Cooper, Rhonda Labroi, ha detto che spera che la gente guardi oltre il fermo immagine dell'epoca, in cui la sorella è effigiata come una killer adolescente.
"È una persona molto diversa", ha detto Labroi. "È molto più istruita, più vecchia e più saggia ora. Penso che le cose saranno diverse." Cooper, ha aggiunto, "ha pagato il suo prezzo."
"Esistono le seconde possibilità", ha detto Labroi. "Sembra che Dio le abbia voluto dare un'altra possibilità. Penso che se la gente sarà d'accordo nel concederle una seconda possibilità, Paula farà bene".
In una intervista del 2004, Cooper aveva espresso rimorso per le sue azioni, e il desiderio di cambiare radicalmente la sua vita.
"Ognuno di noi ha la responsabilità di fare il bene o il male, e se si fa del male, si deve essere puniti". "La riabilitazione viene prima di tutto da noi stessi. Se non sei pronto per essere riabilitato, non lo sarai."
Jack Crawford, che rappresentò la pubblica accusa al processo, nel frattempo ha maturato una posizione contraria alla pena di morte. Ma conferma che all'epoca la legge prevedeva che si potesse chiedere la pena di morte in casi particolarmente gravi a partire dai 10 anni di età, e a lui, per l'efferato omicidio della signora Pelke, la condanna sembrava appropriata.
"Il Caso della Cooper, il suo processo e la condanna a morte" ha detto Crawford "hanno attratto l'attenzione dei media più di ogni altro caso che ho seguito nei 12 anni da procuratore della Lake County, per diverse ragioni: perché lei era una donna, perché aveva 15 anni, per la ferocia dell'uccisione, e per il contrasto tra lei, nera, e la sua vittima, bianca".
"Furono 4 ragazze adolescenti, durante la pausa pranzo al liceo, a suonare a casa della vittima, e compiere l'orribile crimine. Era sorprendente che queste 4 ragazze potessero aver fatto una cosa del genere con tanta fredda cattiveria.
Le ragazze avevano ben pianificato di uccidere la donna perché non le riconoscesse, e la Cooper, a capo della banda, si era portata dietro un coltello da macellaio con la lama da 30 centimetri. Hanno suonato alla porta della donna, dicendosi interessate ad approfondire alcune letture della Bibbia. Era il 25 maggio 1985. 
Una delle ragazze colpì la Pelke alla testa con un vaso, facendola cadere a terra.
"Paula Cooper, come poi ammise al processo, le andò sopra, continuando a chiederle "Dove sono i soldi, cagna?'". Quando l'anziana donna ha risposto di non avere denaro in casa, la Cooper ha cominciato a torturarla, facendole dei profondi tagli sul petto. La Pelke è morta mentre recitava le ultime preghiere al Signore". 
Cooper e le altre 3 ragazze - Denise Thomas, 14 anni, Karen Corder, 16 anni, e April Beverly, 15 anni - sono fuggite con circa 10 dollari di bottino, e l'automobile della Pelke. Il giorno dopo sono state arrestate, Crawford ha ricordato, "dopo che in giro si erano vantate dell'uccisione".
L'autopsia ha rivelato che Pelke era stato accoltellato più di 30 volte, con uno dei colpi che addirittura aveva attraversato tutto il torace e lasciato un segno sul pavimento di legno".
La Beverly testimoniò contro le altre, ed ottenne una condanna a 25 anni per la sola rapina. E 'stata rilasciata nel 1999.
Ora vive in Colorado. Raggiunta telefonicamente, non ha voluto commentare la notizia del rilascio della Cooper. 
La Thomas venne condannata per omicidio a 35 anni. È stata rilasciata nel 2003. Anche la Corder venne condannata per omicidio, a 60 anni, ed è stata rilasciata nel 2008. La stampa non è riuscita a localizzarle.
Al processo la Cooper si dichiarò colpevole di omicidio. Il suo difensore dell'epoca, Kevin Relphorde, ha ricordato che la dichiarazione di colpevolezza, e l'aver espresso rimorso, potessero bastare ad evitare la condanna a morte. Ma evidentemente non c'era molto spazio di manovra. Il giorno della sentenza il giudice James Kimbrough fece un lungo discorso sul perché lui era contrario alla pena di morte. Ma poi lasciò cadere la bomba: condanna a morte per Cooper.
Ricorda Crawford: "A questo punto l'attenzione sul caso cambiò di segno. Non si parlò più di quanto orrendo fosse il crimine, ma del fatto che una ragazza di soli 16 anni era stata condannata a morte, del fatto che era solo la 4° donna in Indiana a finire nel braccio della morte, e del fatto che comunque l'Indiana non ha mai giustiziato una donna. È un caso che ti rimane in mente quando nel tuo ufficio arriva un emissario del Papa, quando del caso si occupa Amnesty International, e quando dall'Europa arrivano molti segnali di attenzione, soprattutto dall'Italia. 
Lettere e petizioni sono arrivate in gran numero sulla mia scrivania da procuratore, e in seguito alla Corte Suprema di Stato. Un documento della Indiana Historical Society registra che la Corte Suprema di stato aveva ricevuto oltre 2 milioni di firme, altri appelli arrivarono al governatore Robert Orr, compreso uno, nel settembre 1987, del Papa, e un ulteriore appello arrivò alle Nazioni Unite, con un milione di firme a supporto. All'epoca la Corte Suprema degli Stati Uniti stava affrontando il tema della costituzionalità delle condanne a morte di minori. Nel 1988 la Corte dichiarò incostituzionale giustiziare chi al momento del reato aveva meno di 16 anni. L'anno successivo l'Indiana adeguò le sue leggi, portando da 10 a 16 l'età minima per poter ricevere una condanna capitale. Solo nel 2002 l'Indiana alzò a 18 anni l'età minima per una condanna a morte, e nel 2005 fu la Corte Suprema degli Stati Uniti a dichiarare incostituzionale l'esecuzione di minorenni.
L'Amministrazione Penitenziaria ha reso noto il curriculum della Cooper: ripresa 23 volte per violazioni al regolamento, 10 delle quali di basso livello, e condannata nel 1995 a 3 anni di isolamento per aver aggredito una guardia penitenziaria. Nell'intervista del 2004 la Cooper ha ricordato quegli anni di tensione: "Ero molto amareggiata, ed arrabbiata, e così mi ficcavo spesso nei guai. Poi un giorno ho deciso che dovevo iniziare a calmarmi". Quindi ha studiato, ha preso la maturità, ha frequentato un corso professionale, e ha preso una laurea di 1° livello. Ha collaborato nell'addestramento di cani per i ciechi, e dal 2011 ha lavorato come tutor. Crawford, il suo ex pubblico ministero, dice di farle gli auguri per la sua nuova fase di vita: "Ha scontato la sua pena, e forse può dare un contributo di qualche tipo alla società. Spero che continui nel suo percorso di riabilitazione, e trovi il modo di riparare in qualche misura al crimine che ha compiuto 30 anni fa".
Per saperne di piu' : http://www.huffingtonpost.com/2013/06/18/bill-pelke-grandson-paula-cooper_n_3459614.html

Nessun commento: