martedì 31 dicembre 2013

Buon 2014 ;)

Una mina a tempo (come smantellare uno Stato)

Partendo dal dato per il quale possiamo ormai ipotizzare che una buona
percentuale di persone considerate di media "istruzione" pensano che
Hitler sia asceso al potere nel 1978 e partendo dalle dichiarazioni di
Paolo Pulici sul suo desiderio di avere una scuola di calcio formata da
soli ragazzini orfani visto che i genitori da anni usano picchiarsi
sugli spalti davanti ai figli e spesso minacciano anche gli allenatori,
possiamo dire che la sola eventualità che i messaggi "presidenziali" di
fine anno siano tre anzichè uno, rappresenta un messaggio dirompente non
per la destra o la sinistra ma per tutta questa popolazione che
casualmente si è trovata a convivere su questa penisola bizzarramente
disegnata come uno stivale. Popolazione casuale, non Popolo, ma
popolazione, che casualmente viene unificata, si fa per dire, sotto il
termine "ITALIANI".

Il fatto che possa esistere un patto di civile convivenza da osservare
come base per una vita comunitaria pacifica e prospera, per gli
"italiani" non è stata mai una scelta consapevole ma la risultanza di
una combinazione di convenienze e di opportunismo. Dopo la fine della
seconda guerra mondiale si è dato per scontato che si stava tutti
insieme e che la cosa sarebbe durata per sempre. Poi la consapevolezza
dell'esistenza del Patto di convivenza è scomparsa, come l'aria, che
respiriamo dando per scontato che esisterà sempre, fino a dimenticarci
che esiste, l'aria. E il patto di civiltà.

Concetti come "Educazione", "Rispetto", "Istituzioni", "Istruzione",
"Conoscenza" e cosi via, sono ormai obsoleti e per chi li esprime sono
fonte di derisione da parte di amici e parenti. Siano questi di destra o
di sinistra, dato che ormai i due estremi si sono riuniti sotto il segno
della più volgare demagogia e sognano le stesse "scorciatoie" per fare
giustizia sommaria di tutto quanto e tutti quanti. (Quanti "comunisti"
sono passati alla Lega e ora a M5S in barba a tutto quello che avevano
sostenuto in passato. Quanti fascisti hanno trovato un pascolo
appetitoso sul Blog di Beppe Grillo).

Se Hitler ha preso il potere nel 1978 allora Stalin è ancora a Mosca? Ma
soprattutto chi se ne frega? I ragazzi di oggi, i quindicenni, vivono
senza avere la minima idea di cosa sia un giornale cartaceo, un sito
web. Non si chiedono niente su cosa li faccia vivere e perché si viva
sempre peggio. Non hanno mai vissuto meglio e non sanno che esistevano i
partigiani, chi siano i fascisti e cosa vogliono, che il mondo esisteva
prima di Berlusconi e di Facebook. Non è una questione di colpe. I
ragazzi, gli adolescenti di oggi sono così e basta. I ragazzini nati a
Gaza, pensano che esista solo Gaza, quelli nati in Somalia pensano che
il mondo sia la Somalia (avete presente la Somalia?), quelli nati a
Beverly Hills pensano ...... etc etc). In Italia tutti coloro che hanno
meno di 40 anni non hanno mai vissuto senza le TV di Berlusconi. C'è chi
è nato in mezzo ai carri armati e chi è nato in mezzo alle TV di
Berlusconi. Per questi ultimi è del tutto sconosciuto il passato, gli
anni 70, Berlinguer, Almirante, Radio Alice, Piazza Fontana, Aldo Moro,
il 68, il 77. Gli anni 80 li conoscono e non è un caso, il New Romantic,
la New Wave e Drive In, assieme a Ronald Reagan e Margaret Tatcher,
Bettino Craxi, incinta di Berlusconi, Massimo D'Alema, alchimista
rampante, e compagnia bella, iniziavano la loro attività demolitrice di
ogni evoluzione della mente umana, i primi successi avvennero su quella
italiana.

Se stasera i messaggi alla Nazione saranno 3, la popolazione casualmente
trovatasi a convivere in questa bizzarra penisola non si turberà. Il
concetto che un Presidente della Repubblica possa essere delegittimato e
equiparato da un Condannato definitivo o da un Ex-comico che sta
preparando lo scontro finale, non ha niente di speciale. Niente di
pericoloso.

Credere o non credere nella struttura che ancora malamente ci sostiene è
divenuto da tempo facoltativo. E' quello che volevano i prepotenti, dal
vostro vicino di casa a uno dei tanti. Non esistono complotti! I
complottisti la fanno facile. Per loro basterebbe fermare tre o quattro
salotti tipo Bilderberg e tutto sarebbe risolto. Cretini! Eppure lo
cantava tanti anni fa il Poeta: "continuate a credervi assolti ma siete
lo stesso coinvolti". Tutti. Magari fossero davvero solo pochi
complottatori.

Nessuno è capace di complottare per rendere incapace un pianeta intero.
Ci vuole l'aiuto di tutti per sgominare e straziare un intero globo.

Le basi della convivenza civile, le regole e le leggi ideate, in
origine, per difendere i deboli, scompariranno, evaporeranno,
semplicemente perché nessuno ci crederà più, come Fàntasia, nel vecchio
film, La Storia Infinita.

Se non credi in qualcosa, questa cosa scomparirà.

Ma dato che non siamo in un film, se tutto scomparirà, per primi saranno
sterminati i deboli. Altrove lo sterminio è iniziato da tempo o da sempre.

I demagoghi lavorano solo per sé stessi, come dovremmo sapere bene. Le
"scorciatoie" sono luoghi molto pericolosi dove gli agguati e le
trappole sono ovunque. La slavina finale finirà nel sangue come è sempre
successo quando pochi hanno convinto tanti che si poteva buttare tutto
in malora, bambino e acqua sporca.

Tre messaggi stasera, due malati e uno forse ormai inutile.

31 dicembre 2013

cg

lunedì 30 dicembre 2013

Ministero degli Affari Esteri - 12 - Bonino: “Perché l`Italia deve riaccendere i riflettori” (Avvenire)



Inviato da iPad
info sul mittente clicca qui sotto:

venerdì 27 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Gli aggressori filmati dall’auto della giornalista

Gli aggressori filmati dall'auto della giornalista
Gli aggressori filmati dall'auto della giornalista

Source: lastampa.it

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

claudiogherardini@gmail.com has shared: Ministero degli Affari Esteri - 12 - La Ministro Bonino riceve alla Farnesina la signora Alma Shalabayeva con i figli Alua, Madina e Aldyiar

Ministero degli Affari Esteri - 12 - La Ministro Bonino riceve alla Farnesina la signora Alma Shalabayeva con i figli Alua, Madina e Aldyiar
Ministero degli Affari Esteri - 12 - La Ministro Bonino riceve alla Farnesina la signora Alma Shalabayeva con i figli Alua, Madina e Aldyiar

Source: esteri.it

Sito ufficiale del Ministero degli Affari Esteri dove trovare le news, le attività del Ministero,gli eventi legati al Ministro, concorsi per entrare al Ministero. Sul sito del Mae è possibile trovare le comunicazioni del Ministero degli affari esteri, approfondimenti e servizi

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

giovedì 26 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Cromo 1.400 volte sopra i limiti sull'autostrada Milano-Brescia

Ancora non è chiaro cosa sia la mafia e come ci lasciamo mangiare dai corrotti tra noi. #mafia #ecomafia
Cromo 1.400 volte sopra i limiti sull'autostrada Milano-Brescia

Source: milano.repubblica.it

La sostanza tossica scoperta sotto la terza corsia nella zona di Castegnato, in provincia di Brescia. La denuncia dell'Arpa che ha effettuato le rilevazioni. Il sindaco del paese: "Nessun rischio per la falda acquifera"

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

mercoledì 25 dicembre 2013

Ecco cosa accade senza giornalismo indipendente

Saluti dalla Discarica di Maputo - Auguri di natale A Mundzuku Ka Hina

English version to follow cari tutti, seppur con affanno siamo riusciti ad elaborare le cartoline con cui il nostro piccolo lab. Augura un buon Natale a tutti gli amici e sostenitori. É stato un percorso abbastanza lungo e complesso. Non avevamo molto tempo a disposizione. Una prima fase è stata di dibattito e confronto sul significato più profondo del Natale cui abbiamo affiancato le problematiche di un continente, di un paese, di un quartiere. Quindi la scelta per analogia di immagini e testi e la loro seppur semplice elaborazione. Per molti dei nostri allievi più giovani si è trattato del loro primo lavoro di grafica. Sopratutto per gli adolescenti un grande sforzo, non hanno l'abitudine a pensare ocn la propria testa ed il proprio sentire, non hanno l'abitudine a trovare le similitudini e le analogie o una cultura iconografica. Ma hanno risposto con dedizione ed entusiasmo. Abbiamo ultimato, dopo un piccolo tour de force proprio oggi, vigilia di natale. Nessuno si è tirato indietro. In allegato i nostri più sentiti auguri, il nostro lavoro nella direzione di una convivenza pacifica nel segno della fratellanza tra le genti. Un abbraccio a tutti Rob http://www.amundzukukahina.org Le didascalie delle cartoline: mai più guerra in Mozambico mai più guerra in Mozambico Negli occhi degli umili puoi incontrare lo sguardo del Cristo L'amore è fonte di vita che la luce della verità illumini l'umanità facciamo la differenza, creiamo solidarietà diritto ad un'infanzia felice diritto all'istruzione per tutti Giustizia sociale- piedi scalzi rincorrono il sogno di una vita diritto ad una vita dignitosa per tutti A chi troppo a chi nulla – accesso al cibo per tutti i bambini sono il futuro del nostro paese, non lasciamoli per strada l'amore ci illumina anche nella solitudine sintesi
dear all , albeit with difficulty we were able to draw cards with which our little lab. Wish you a merry Christmas to all our friends and supporters. It was a fairly long and complex path . We did not have much time . A first step was to debate and discussion on the deeper meaning of Christmas which we have added the problems of a continent , a country , a neighborhood . So the choice for similarity of images and texts and even their simple processing. For many of our younger students it was their first graphics work . Especially for teenagers a great effort , they do not have the habit of thinking for themselves and their own feelings , they do not have the habit to find the similarities and analogies or culture iconography. But they responded with dedication and enthusiasm. We completed after a small tour de force today, Christmas Eve . There was no holding back. Enclosed is our best wishes , our work towards a peaceful coexistence in the sign of brotherhood among the nations . A hug to everyone ROb List of the card: 1) no more war in Mozambique 2) no more war in Mozambique 3) In the eyes of the humble can meet the gaze of Christ 4) Love is the source of life 5) that the light of truth enlighten humanity 6) make a difference, we create solidarity 7) the right to a happy childhood 8) The right to education for all 9) Social justice-barefoot chasing the dream of a lifetime 10) the right to a dignified life for all 11) who has too much, those who have nothing - access to food for all 12) Children are the future of our country, do not leave them in the street 13) love enlightens us even in solitude 14) Summary

martedì 24 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Montenegro, "no" a basi navali russe

Ecco una buona notizia per chiudere l'anno!
Montenegro, "no" a basi navali russe

Source: balcanicaucaso.org

La Russia ha chiesto al Montenegro la possibilità di utilizzare basi navali sull'Adriatico. Podgorica, che punta all'integrazione nella NATO già nel 2014, ha però risposto negativamente. Il servizio di Francesco Martino per il GR di Radio Capodistria [24 dicembre 2013]

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

Qualcosa di esplosivo per la nottata...

lunedì 23 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: “Riferimenti”: in Calabria l’antimafia a rischio di delegittimazione

"Riferimenti": in Calabria l'antimafia a rischio di delegittimazione
"Riferimenti": in Calabria l'antimafia a rischio di delegittimazione

Source: cn24tv.it

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

claudiogherardini@gmail.com has shared: ANTIMAFIA CRITICA EDITORIALE GALLI DELLA LOGGIA

ANTIMAFIA CRITICA EDITORIALE GALLI DELLA LOGGIA
ANTIMAFIA CRITICA EDITORIALE GALLI DELLA LOGGIA

Source: stopmafia.blogspot.it

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

claudiogherardini@gmail.com has shared: LA MAFIA MIRA A DELEGITTIMARE LA VERA ANTIMAFIA

LA MAFIA MIRA A DELEGITTIMARE LA VERA ANTIMAFIA
LA MAFIA MIRA A DELEGITTIMARE LA VERA ANTIMAFIA

Source: salvatorecalleri.blogspot.it

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

UaU...3 e 4 gennaio - Teatro Florida - Firenze

UaU...
 
Compagnia Xe
 
 
coreografia Julie Ann Anzilotti
con Paola Bedoni, Giulia Ciani, Julie Ann Anzilotti
musiche J. Cage, M. Bourne, J. Adams
scene Tiziana Draghi
costumi Loretta Mugnai
consulenza musicale Carla Chiti
luci Alessandro Ruggiero
sound design Roberto Nigro 
collaborazione artistica Francesco Margarolo 
organizzazione Alessandra Passanisi
 
produzione Compagnia Xe, Regione Toscana, Comune di San Casciano Val di Pesa, MiBAC, Ente Cassa di Risparmio di Firenze
 
 venerdì 3  gennaio ore 21.00
 sabato 4 gennaio ore 21.00
Teatro Cantiere Florida - Firenze
via Pisana 111 Rosso
 
info: 055.7135357-7130664
teatroflorida.it
 
 

giovedì 19 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Pisa, genitori litigano sugli spalti Birindelli ritira la squadra, Figc lo punisce

Pisa, genitori litigano sugli spalti Birindelli ritira la squadra, Figc lo punisce
Pisa, genitori litigano sugli spalti Birindelli ritira la squadra, Figc lo punisce

Source: firenze.repubblica.it

Sabato l'allenatore degli Esordienti aveva fatto sospendere la partita dopo gli insulti nella tribunetta tra i padri dei baby calciatori. Gara persa a tavolino: "All'Italia manca cultura sportiva", ha detto l'ex calciatore

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

claudiogherardini@gmail.com ha condiviso qualcosa con voi

Questo testo che potete leggere cliccando sulla foto profila un futuro oscurantista e molto più drammatico...

http://lacittanuova.milano.corriere.it/2013/12/19/il-muro-bulgaro-e-tutte-le-barriere-che-fermano-chi-fugge-dalla-guerra/#.UrK6fWguPUQ.email

--- Questo messaggio è stato inviato da claudiogherardini@gmail.com via http://addthis.com. Si prega di notare che AddThis non verifica indirizzi e-mail.

To stop receiving any emails from AddThis, please visit: http://www.addthis.com/privacy/email-opt-out?e=oY_c89n3ze7atNzv3OrN6tz_3vvs.MD1y_3J6IL5w_c

mercoledì 18 dicembre 2013

MAFIA E DIFFAMAZIONE: ESTER CASTANO ASSOLTA

RILANCIAMO DALL'UNIONE CRONISTI ITALIANI

ESTER CASTANO ASSOLTA dalla
querela del sindaco sciolto per mafia
IL GUP DI BIELLA HA PRONUNCIATO
SENTENZA DI NON LUOGO A PROCEDERE

Il Gup di Biella Claudio Passerini ha
pronunciato la sentenza di non luogo a procedere nei riguardi della
giornalista Ester Castano dalla querela del sindaco del suo paese,
Sedriano, che ha cercato di bloccare il lavoro della giovane cronista
che denunciava le irregolarità dell'amministrazione comunale.
Castano ed
Ersilio Mattioni del settimanale Altomilanese sono stati assolti perché
il fatto non sussiste riguardo alla querela presentata dall'ex sindaco
di Sedriano Alfredo Celeste, decaduto con provvedimento dell'ottobre
2013, per scioglimento mafioso, e dal suo avvocato Giorgio Bonamassa. Il
giudice ha riconosciuto che le querele presentate dal sindaco del primo
comune lombardo sciolto per mafia sono prive di fondamento in fatto
oltre che in diritto. Ester Castano è stata difesa dall'avvocato Giulio
Vasaturo dello Sportello querele temerarie "Roberto Morrione "
costituito da Libera Informazìone, Fnsi, Ordine dei giornalisti,
Associazione stampa romana, e UNCI.
Ester Castano ha ricevuto,
nell'ambito del Premio Cronista Piero Passetti 2013 dell'UNCI, il
riconoscimento 'Vita di cronista' perchè costituisce un esempio per i
giovani che, pur tra mille difficoltà e senza avere un impiego stabile,
vogliono svolgere l'attività di giornalista nel rispetto delle regole
deontologiche e professionali.
--- --- ---
Ester Castano è anche membro di questo social network
Visita Freelance2.0 al:
http://freelance20.ning.com/?xg_source=msg_mes_network

sabato 14 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Treni • Ferrovie: sabato 14 torna il Cecina-Saline

La linea Saline di Volterra - Cecina è bellissima. Consiglio di farci un giro!
Treni • Ferrovie: sabato 14 torna il Cecina-Saline

Source: nove.firenze.it

Nove da Firenze ► Cronaca ► Treni - Ferrovie: sabato 14 torna il Cecina-Saline [12/12/2013]

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

claudiogherardini@gmail.com has shared: Treni • Ferrovie: sabato 14 torna il Cecina-Saline

La linea Saline di Volterra - Cecina è bellissima. Consiglio di farci un giro!
Treni • Ferrovie: sabato 14 torna il Cecina-Saline

Source: nove.firenze.it

Nove da Firenze ► Cronaca ► Treni - Ferrovie: sabato 14 torna il Cecina-Saline [12/12/2013]

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

claudiogherardini@gmail.com has shared: "Hitler al potere nel 1979". Svarioni storici al «L’Eredità»

Sembra che persino #carloconti abbia mostrato un certo scoramento. #hitler#renzi IO NON HO IL CORAGGIO DI GUARDARLO
"Hitler al potere nel 1979". Svarioni storici al «L'Eredità»

Source: video.corriere.it

"In quale anno Adolf Hitler diventa cancelliere in Germania?" e le risposte dei concorrenti sono imbarazzanti. Clamorosi errori durante la puntata di giovedì de L'Eredità, il quiz condotto da Carlo Conti su Rai Uno. Alla domanda su quando salì al potere il Fuhrer e di fonte a quattro opzioni il primo concorrente risponde 1948, il secondo 1964 e il terzo 1979, lasciando incredulo Carlo Conti. L'ultima concorrente alla fine indovina, ma solo perché era rimasta una sola opzione. Poco dopo altro momento imbarazzante: viene chiesto in quale anno Mussolini ricevette a Palazzo Venezia il poeta americano Ezra Pound e la risposta di una concorrente è: 1964. A quel punto il conduttore interviene e ironico dice: "Io farei un ripassino di storia, ma leggero eh". (RCD - Corriere Tv). Guarda adesso il video ""Hitler al potere nel 1979". Svarioni storici al «L'Eredità»" su Corriere TV!

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

venerdì 13 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Donare il sangue - Donazione - Salute - Cittadini - Regione Toscana

"@clagher: Donare il #sangue - #Donazione - #Salute - #Cittadini - Regione #Toscana http://t.co/4abVXWkMSG via @sharethis"
Donare il sangue - Donazione - Salute - Cittadini - Regione Toscana

Source: regione.toscana.it

Portale della regione Toscana

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

martedì 10 dicembre 2013

Modello Val Susa a Torino?

Gli esponenti radicali torinesi Igor Boni, Giulio Manfredi e Silvio Viale: È ormai evidente che il “modello Val Susa” si allarga ai "forconi". Si parte da rivendicazioni discutibili, ma del tutto legittime, con l'intenzione di esprimerle in modo pacifico, ma poi l'egemonia passa al fronte comune dei violenti, che nel caso specifico va dai fascistoidi agli ultras da stadio, dagli antagonisti ad evidenti infiltrazioni criminali. L'incapacità di esprimere una regia autorevole che sappia gestire la protesta diventa un via libera per gli assalti di violenti di ogni sorta. Di fronte a tutto questo, innanzitutto, non si deve temere una risposta delle forze dell’ordine adeguata alla minaccia, ferma e decisa. Ci deve, però, essere anche una risposta adeguata della politica. Avevamo già ammonito le forze di opposizione alla giunta Cota di non abbandonare la piazza a Grillo; a maggior ragione, non bisogna lasciarla ai nuovi “Boia chi molla”. Per questo riteniamo che il PD debba organizzare subito, assieme a tutte le altre forze di opposizione, una grande manifestazione nazionale a Torino, con Matteo Renzi, per mandare a casa Cota, per andare alle elezioni insieme a quelle europee, ma anche "Per la legalità, contro lo sfascismo dei nuovi barbari”. Torino, 10 dicembre 2013 - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20131210/forconiradicali-torino-modello-val-susa-con-libert-azione-violenti-ogni-sorta-su?utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter#sthash.9mcEeS1Y.dpuf

Chi assomiglia di più a Karadzic??

#nonscherzo Chi assomiglia di più a Karadzic, #grillo o #casaleggio? @lucasofri #m5s @annapaolaconcia

lunedì 9 dicembre 2013

domenica 8 dicembre 2013

Fwd: Sarajevo Peace Event 2014: Call for cultural events


Dear friends and colleagues,

please find enclosed a call for cultural events from the working group culture&
arts
for the Peace Event Sarajevo 2014.
The peace event will take place from June 6-9 2014 and will consist of a forum, cultural events and a youth camp.
For more information please visit www.p2014.eu

Greetings,
Dr Sabina Nuhefendic
member of the working group culture&arts
for the Peace Event Sarajevo 2014



sabato 7 dicembre 2013

Altri fascisti si organizzano

ALTRI FASCISTI SI ORGANIZZANO
COMUNICATO STAMPA
Ente Morale D.L. n.244 del 5 aprile 1945
Un fantomatico "Coordinamento nazionale per la rivoluzione" attraverso
Facebook 09.12.13 ha indetto per lunedì prossimo una manifestazione di
protesta in tutta Italia rivolgendosi in modo particolare agli
ambulanti, ai negozianti, agli autotrasportatori e ad altre categorie
«invitando il popolo italiano alla ribellione».
In molti negozi e in tanti mercati rionali del Piemonte sono apparsi
volantini per la mobilitazione. Dietro a questi "rivoluzionari", come
risulta da Facebook, ci sono "i forconi" che già avevano fatto parlare
di sé in Sicilia e altre sigle consimili.
Nei giorni scorsi a San Mauro Torinese si è svolta un'affollata
assemblea dei promotori dell'iniziativa nel corso della quale il
presunto leader, tale Danilo Calvani, contadino di Latina, ha
rivendicato «la costituzione di un governo temporaneo magari con una
figura militare di riferimento».
È di ieri l'adesione al "Coordinamento dei rivoluzionari" del gruppo di
estrema destra "Forza Nuova", fondata dall'ex terrorista di "Terza
Posizione", Roberto Fiore, già latitante a Londra e rientrato in Italia
qualche anno fa durante il governo Berlusconi.
"Forza Nuova" vanta oltre che legami con gruppi di nostalgici del
fascismo anche con i fondamentalisti cattolici che fanno la guerra
all'attuale pontefice.
Su segnalazione dell'associazione commercianti pervenuta in questura
risulta che stamane, venerdì 6 dicembre, in numerosi negozi della città
si sono presentate alcune persone qualificatesi come agenti di polizia
in borghese le quali hanno invitato gli esercenti a tenere lunedì
prossimo le saracinesche abbassate onde evitare tafferugli.
L'Anpi denuncia alle autorità competenti questo stato di cose e invita
tutti gli antifascisti e i democratici a respingere con fermezza le
iniziative illegali messe in atto da questi provocatori invitando tutte
le sezioni del Piemonte dell'Anpi a vigilare e soprattutto a svolgere
un'azione di denuncia e di informazione della cittadinanza.
La Presidenza Anpi Piemonte

Ghera dal vivo

Ghera dal vivo

venerdì 6 dicembre 2013

Comunicato del Nelson Mandela Forum di Firenze

claudiogherardini@gmail.com has shared: M5S: Massina (Idv), da Grillo schedatura nazista dei giornalisti - ASCA.it

M5S: Massina (Idv), da Grillo schedatura nazista dei giornalisti - ASCA.it
M5S: Massina (Idv), da Grillo schedatura nazista dei giornalisti - ASCA.it

Source: asca.it

M5S: Massina (Idv), da Grillo schedatura nazista dei giornalisti

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

claudiogherardini@gmail.com has shared: Ucraina e Bulgaria mostrano il potere del modello UE

Ucraina e Bulgaria mostrano il potere del modello UE
Ucraina e Bulgaria mostrano il potere del modello UE

Source: eastjournal.net

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

President Obama Delivers a Statement on the Passing of Nelson Mandela | The White House

http://m.whitehouse.gov/blog/2013/12/05/man-who-took-history-his-hands-and-bent-arc-moral-universe-toward-justice?utm_source=email&utm_medium=email&utm_content=email268-graphic&utm_campaign=mandela


Inviato da iPhone
Http://about.me/claudio.gherardini

giovedì 5 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: UCRAINA: La protesta del “nazionalismo civico”. Ma non tutto il paese scende in piazza

"Sta succedendo qualcosa di molto strano in una capitale d'Europa. La gente è scesa in strada a protestare per l'UE..
UCRAINA: La protesta del "nazionalismo civico". Ma non tutto il paese scende in piazza

Source: eastjournal.net

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

Eventi balcanici a Firenze

GLI EVENTI

6 Dicembre 2013 –  I sapori dei Balcani

Cena all'Antico Spedale del Bigallo

Una serata dedicata alla cucina dei Balcani occidentali curata da Qualitas Forum organizzata nella splendida cornice dell'Antico Spedale del Bigallo recentemente restaurato alle porte di Firenze. Cucinerà il cuoco-pittore Dejan Bogdanović.  Ore 20.00 Via del Bigallo e Apparita 14, 50012 Bagno a Ripoli (Firenze).

ore 20.00 Cena con menù balcanico
ore 22.00 Motocicla Tellacci in concerto

Prenotazione obbligatoria: tel. 055631538; 0552638388 mail eventi@anticospedalebigallo.it



11 – 21 Dicembre 2013 "Ivo Andrić scrittore e/o diplomatico"

Spazio espositivo delle Murate – Via dell'Agnolo 1

Mostra multimediale dedicata alla figura di Ivo Andrić premio nobel per la letteratura, ma anche acuto diplomatico nei primi del 900. Assieme alla mostra offerta dal Museo della Città di Belgrado saranno esposte installazioni video e non solo dedicate alla figura di Andrić. Organizzata da ISIA – Lagos Design Studios, Balkan Florence Express, Ambasciata Serba, Museo della Città di Belgrado, Comune di Firenze. Presso Le Murate Via dell'Agnolo 1, 50121 Firenze. Orari di apertura 10- 19.

Inaugurazione 11 dicembre 18.30 alla presenza di S.E. Ana Hrustović Ambasciatrice della Repubblica di Serbia in Italia, Stefano Maria Bettega, direttore ISIA Firenze, Mirko Tattarini, Lagos Design Studios e Cecilia Ferrara per il Balkan Florence Express.



28 Novembre – 10 Dicembre 2013 – "Scutari di Marubi e

l'Indipendenza dell'Albania"

IED Firenze – Via Maurizio Bufalini, 6r

Mostra fotografica di Pietro Marubi, fotografo italo-albanese ed ex garibaldino. Le foto di Marubi ritraggono gli eventi storici Albanesi e la vita di ogni giorno. I suo negativi sono stati dichiarati patrimionio internazionale UNESCO. Organizzata da Oxfam Italia, Assoalbania, IED.  Via Maurizio Bufalini, 6 rosso, 50122 Firenze . Orari di apertura 10- 19.  
Leggi la notizia sul sito della scuola IED

Inaugurazione il 28 novembre ore 18.30 alla presenza di Nikolin Gjeloshi presidente di AssoAlbania e Aferdite Shani membra di AssoAlbania e Simone Malavolti per il Balkan Florence Express



9 dicembre 2013 – ore 9.30 "La 28ma stella. Le sfide dell'accesso della

Croazia all'Unione Europea e il futuro europeo dei Balcani"

Istituto Universitario Europeo – Via dei Roccettini 9, 50014 Fiesole Firenze

Convegno sull'entrata della Croazia in Europa e sulle prospettive di allargamento dell'Ue – organizzato dall'Istituto Universitario Europeo in collaborazione con Oxfam Italia e l' Ambasciata Croata di Roma. Via dei Roccettini 9, 50014 Fiesole Firenze.  Info e prenotazioni: monika.rzemieniecka@eui.eu 
Leggi la notizia sul sito dell'IUE


9 dicembre 2013 – ore 18.30,"Kafka project:

frontiere/granice/meje/grens/borders"

Istituto Universitario Europeo – Via dei Roccettini 9, 50014 Fiesole Firenze

Opera di Katarina Holla, a cura del Dramma Italiano, Teatro Nazionale di Fiume. In collaborazione con l'Ambasciata Croata a Roma. IUE,  Via dei Roccettini 9, 50014 Fiesole Firenze. Spettacolo in lingua italiana con sottotitoli in inglese.  Info e prenotazioni: monika.rzemieniecka@eui.eu. Ingresso libero.

Leggi la notizia sul sito dell'IUE.



12-13 dicembre BALKAN FLORENCE EXPRESS

Cinema Odeon – Piazza Strozzi 1 Firenze

10 film e documentari selezionati dal Fondazione Sistema Toscana, Festival dei Popoli e Oxfam Italia dalla migliore produzione degli ultimi 3 anni da Croazia,Serbia, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Albania, Montenegro, Macedonia. Oxfam Italia, Fondazione Sistema Toscana, Festival dei Popoli. Cinema Odeon, Piazza Strozzi, 50123 Firenze.

I film sono stati selezionati in collaborazione con Association of Filmmakers in Bosnia Erzegovina (Bosnia Erzegovina), Cinedays (Macedonia), Croatian State Archives (Croazia), Dokumentarni Kinoquadrant (Serbia), Free Zone Festival (Serbia), Prishtina Film Festival (Kosovo), Restart (Croazia), Sarajevo Film Festival (Bosnia Erzegovina), Tirana International Film Festival (Albania) e Crnogorska kinoteka (Montenegro).



12-13 dicembre 2013 – Esposizione di Dejan Bogdanović

Cinema Odeon – Piazza Strozzi 1 Firenze

Nei giorni delle proiezioni si terrà una mini esposizione delle ultime opere del pittore Dejan Bogdanović originario di Sarajevo ma fiorentino di adozione. Un'anteprima di una sua mostra personale che verrà organizzata dalla Provincia di Firenze nel 2014.



13 dicembre BALKANIK PARTY

Auditorium Flog – Via Michele Mercati 24b Firenze

Concerto musicale all'Auditorium Flog con I Ragazzi Scimmia, Zastava Orchestra e DJ set (a cura del Consorzio Diggei Indipendente). Ore 22.00, Auditorium Flog, Via Michele Mercati 24b, 50139 Firenze. Ingresso 10€ rid 8€.




 

martedì 3 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Partenariato orientale: In Ucraina Putin ha fatto male i conti

Partenariato orientale: In Ucraina Putin ha fatto male i conti
Partenariato orientale: In Ucraina Putin ha fatto male i conti

Source: presseurop.eu

Il presidente russo sembra aver dimenticato la lezione della rivoluzione arancione del 2004. Ora le proteste a Kiev minacciano tutta la sua politica estera.

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

lunedì 2 dicembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Ucraina: Non perdiamo un'altra rivoluzione

Ucraina: Non perdiamo un'altra rivoluzione
Ucraina: Non perdiamo un'altra rivoluzione

Source: presseurop.eu

La rinuncia all'accordo di associazione con l'Ue al vertice di Vilnius ha spinto centinaia di migliaia di ucraini a protestare in piazza. Ora l'Europa deve dimostrarsi all'altezza di questo attaccamento.

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

claudiogherardini@gmail.com has shared: UNHCR

Dopo approfondita riflessione interna, #UNHCR ha quindi deciso di partecipare a Mission per vari motivi. #mission
UNHCR

Source: o.contactlab.it

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

Una delle pubblicità più geniali di sempre, ovviamente censurata in Italia

sabato 30 novembre 2013

Welcome Ucraina!

Sostenere il Popolo Ucraino che vuole essere Europeo e rafforzare la fiducia verso l'Unione Europea da parte di tutti gli Europei. Battere la demagogia euroscettica! Firma la petizione: http://tiny.cc/3ivc7w Gli Ucraini da giorni si scontrano nelle piazze perchè non vogliono essere risucchiati lontano dall'Europa verso la nuova dittatura oligarchica energetica spietata. Possibile che nessuno senta il dovere di appoggiare la battaglia di questi cittadini che vogliono evitare di tornare a essere sudditi? Se l'Unione Europea non ridurrà i propri costi e non uscirà dai palazzi per spiegare agli Europei l'importanza di essere uniti, sarà spazzata via dalle nuove potenze mondiali che oggi sanno come presentare una facciata invitante e persino pseudo democratica. Iulia Timoshenko, grande personalità e grande donna, invita l'Europa a accellerare la pressione per l'adesione Ucraina all'Unione. Oltre alle trattative da Vilnius i politici europei devono uscire allo scoperto e spiegare ai propri elettori perchè è giusto appoggiare gli Ucraini Democratici anzichè ignorarli. Nessuno aveva fino ad oggi manifestato nelle piazze per aderire a una Unione democratica di Stati. Semmai era successo il contrario. http://www.agenziaradicale.com/index.php/esteri/2212-ucraina-timoshenko-in-sciopero-della-fame-contro-il-mancato-accordo-con-l-ue http://www.gazetaukrainska.com/2013-11-26-11-57-59/4078-alta-partecipazione-alleuromaidan-di-bologna.html

Welcome Ucraina!

Sostenere il Popolo Ucraino che vuole essere Europeo e rafforzare la fiducia verso l'Unione Europea da parte di tutti gli Europei. Battere la demagogia euroscettica! http://www.change.org/it/petizioni/commissione-europea-e-parlamento-europeo-sostenere-il-popolo-ucraino-che-vuole-essere-europeo-e-rafforzare-la-fiducia-verso-l-unione-europea-da-parte-di-tutti-gli-europei-battere-la-demagogia-euroscettica?utm_source=guides&utm_medium=email&utm_campaign=petition_created#
Alta partecipazione all'Euromaidan di Bologna

Source: gazetaukrainska.com

Gazeta Ukrainska

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

lunedì 25 novembre 2013

Una Grande Donna non rieducabile

#TgLa7: Ucraina: leader opposizione Timoshenko annuncia sciopero fame
per esortare presidente Ianukovich a firmare accordo associazione con
Ue. Ecco una grande donna. I maschi sono ancora sostanzialmente dei
trogloditi. #ucraina #25N #Timoshenko #EU #PD #bonino

claudiogherardini@gmail.com has shared: Putin ritorna dopo sette anni con 11 ministri e 50 macchine

Ecco quello che ci fornisce la canna del gas..... e ci aspetta quando avremo distrutto il sogno dell'Unione Europea..
Putin ritorna dopo sette anni con 11 ministri e 50 macchine

Source: corriere.it

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

venerdì 22 novembre 2013

[News] un invito non virtuale la distanza ora è breve ....

OTRA
Associazione Viaggiatori Indipendenti

in collaborazione con:
Società per le Idee Associazione Culturale
Associazione Culturale Passaggi di Storia
presenta
Sabato 7 Dicembre 2013
BALCANI, TERRE IGNOTE
E GUERRE INCOMPRESE
1991 -2013

Ore 18:00

Sala Cinema
Ostello Villa Camerata
Viale A. Righi, 4
Firenze

- Claudio Gherardini
giornalista indipendente , già corrispondente dall'Italia per i Balcani e inviato in Croazia e Bosnia negli anni ‘90

- Simone Malavolti
dottore di ricerca in Storia contemporanea specializzato in Storia dei Balcani occidentali, lavora per l'Associazione Trentino con i Balcani

con interventi di
Massimo Di Viccaro
Viaggiatore esperto dei Balcani di OTRA

durante l' incontro saranno proiettati documenti fotografici ed il video:
PERSONAL (HI)STORIES
video-inchiesta che raccoglie le testimonianze di chi ha deciso di raccontarsi, un'opportunità per chi non vuole che le memorie rimangano e si perdano tra le mura domestiche, uno strumento di ascolto, raccolta e valorizzazione di testimonianze.

Per info e dettagli:
otra@otraweb.it

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL FORUM:
http://www.otraweb.it/forum/viewtopic.php?f=40&t=3016

Parcheggio gratuito per chi viene in auto
oppure
bus 11 fermata Salviatino

---------------

Usiamo raramente il suo indirizzo e solo per qualità.

Questo messaggio, le è giunto perché il suo indirizzo si trova da tempo nella rubrica di claudio gherardini con il quale evidentemente ci sono stati contatti. Se non desidera ricevere altri messaggi da claudio gherardini e società per le idee invii una email con oggetto "cancellare" a claudiogherardini@societaperleidee.it. grazie.

Inoltre dato che la tecnologia è come la scienza, totalmente inesatta, se avete già chiesto di essere cancellati, per favore rifatelo e cercherò di cancellarvi di nuovo.

Grazie

un invito non virtuale la distanza ora è breve ....

OTRA
Associazione Viaggiatori Indipendenti

in collaborazione con:
Società per le Idee Associazione Culturale
Associazione Culturale Passaggi di Storia
presenta
Sabato 7 Dicembre 2013
BALCANI, TERRE IGNOTE
E GUERRE INCOMPRESE
1991 -2013

Ore 18:00

Sala Cinema
Ostello Villa Camerata
Viale A. Righi, 4
Firenze

- Claudio Gherardini
giornalista indipendente , già corrispondente dall'Italia per i Balcani e inviato in Croazia e Bosnia negli anni ‘90

- Simone Malavolti
dottore di ricerca in Storia contemporanea specializzato in Storia dei Balcani occidentali, lavora per l'Associazione Trentino con i Balcani

con interventi di
Massimo Di Viccaro
Viaggiatore esperto dei Balcani di OTRA

durante l' incontro saranno proiettati documenti fotografici ed il video:
PERSONAL (HI)STORIES
video-inchiesta che raccoglie le testimonianze di chi ha deciso di raccontarsi, un'opportunità per chi non vuole che le memorie rimangano e si perdano tra le mura domestiche, uno strumento di ascolto, raccolta e valorizzazione di testimonianze.

Per info e dettagli:
otra@otraweb.it

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL FORUM:
http://www.otraweb.it/forum/viewtopic.php?f=40&t=3016

Parcheggio gratuito per chi viene in auto
oppure
bus 11 fermata Salviatino

---------------

Usiamo raramente il suo indirizzo e solo per qualità.

Questo messaggio, le è giunto perché il suo indirizzo si trova da tempo nella rubrica di claudio gherardini con il quale evidentemente ci sono stati contatti. Se non desidera ricevere altri messaggi da claudio gherardini e società per le idee invii una email con oggetto "cancellare" a claudiogherardini@societaperleidee.it. grazie.

Inoltre dato che la tecnologia è come la scienza, totalmente inesatta, se avete già chiesto di essere cancellati, per favore rifatelo e cercherò di cancellarvi di nuovo.

Grazie

Richieste precise e FACILI DA CAPIRE altro che cortei e bandiere!

Mafia: Fondazione Caponnetto presenta proposte contrasto criminalita' - ASCA.it

giovedì 21 novembre 2013

claudiogherardini@gmail.com has shared: Rifiuti tossici, "I casalesi ora li sversano in Toscana"

E della mafia ancora di parla come di qualcosa di separato dal resto. Anzi non se ne parla proprio specie tra i politici. #renzi @renzi @pd
Rifiuti tossici, "I casalesi ora li sversano in Toscana"

Source: firenze.repubblica.it

L'allarme della Fondazione Caponnetto: "La regione è la base delle attenzioni della camorra prima della Cina e della Romania"

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

mercoledì 20 novembre 2013

Mai viste bestie così

Protesta Roma:sezione Pd Giubbonari,"mai viste bestie cosi'" Segretario,
siamo in 6, No Tav hanno staccato tutto da facciata (ANSA) - ROMA, 20
NOV - "Siamo chiusi dentro in 6, stavamo difendendo la sede fuori, ma la
polizia ci ha fatto entrare dentro. Hanno staccato tutto fuori, sulla
facciata, non ho mai visto belve cosi'". A parlare al telefono con
l'ANSA dall'interno della sede Pd di via dei Giubbonari - assediata dai
No Tav riuniti nella vicina piazza Campo de Fiori - e' il segretario
della sezione Giulia Urso. LAL 20-NOV-13 17:55 NNN

claudiogherardini@gmail.com has shared: basile.fi.it - basile.fi.it

basile.fi.it - basile.fi.it
basile.fi.it - basile.fi.it

Source: basile.fi.it

 

claudiogherardini@gmail.com sent this using ShareThis. Please note that ShareThis does not verify the ownership of this email address.

martedì 19 novembre 2013

Visione del futuro....

0 DISSESTO IDROGEOLOGICO. ECCO I NUMERI DI UN DISASTRO ANNUNCIATO OLTRE
LA META' DEGLI ITALIANI VIVE IN ZONE A RISCHIO (DIRE) Roma, 19 nov. - Si
parla di "strage", "disastro", "dramma di proporzioni incredibili",
"tragedia annunciata" per gli eventi che questa notte hanno colpito la
Sardegna. Il bilancio provvisorio, secondo la Croce Rossa italiana, e'
di 17 morti, ma ci sono ancora dispersi e numerosi sono gli sfollati. Il
Consiglio dei ministri ha appena stanziato 20 milioni di euro e ha
dichiarato lo stato d'emergenza. Ma una cosa e' certa: l'Italia e' un
Paese a rischio idrogeologico e i cambiamenti climatici in atto
aiuteranno, nel prossimo futuro, solo a peggiorare la situazione. I
numerosi avvertimenti arrivano da tempo da fonti autorevoli: Protezione
civile, Cnr, Ispra, Agenzia europea, associazioni ambientaliste. Fra il
1960 e il 2012, tutte le 20 regioni italiane hanno subito eventi fatali:
"541 inondazioni in 451 localita' di 388 Comuni, che hanno causato 1.760
vittime (762 morti, 67 dispersi, 931 feriti), e 812 frane in 747
localita' di 536 Comuni con 5.368 vittime (3.413 morti compresi i 1.917
dell'evento del Vajont del 1963, 14 dispersi, 1.941 feriti)". Le vittime
dal 1960 a oggi per frane e inondazioni sono state in totale "oltre 4
mila, gli sfollati e i senzatetto per le sole inondazioni superano
rispettivamente i 200 mila e i 45 mila. Nel 2011 si sono avute 43
vittime, 2.159 sfollati e 14 regioni colpite e nel 2012, 10 vittime e 11
regioni colpite". Sono, poi, "6.633 (82%) i comuni in pericolo per il
dissesto idrogeologico ed interessano 2.951.700 ettari (9,8% del
territorio nazionale); oltre la meta' degli italiani vive in aree
soggette ad alluvioni, frane, smottamenti, terremoti, fenomeni vulcanici
e persino maremoti. Negli ultimi 80 anni si sono verificati circa 5.400
alluvioni e 11.000 frane". Ma quanto costano i danni? "Circa 3,5
miliardi all'anno con effetti significativi per l'economia nazionale",
secondo le stime del Consiglio nazionale dei geologi. Negli ultimi
cinquanta anni frane, terremoti e alluvioni hanno provocato, infine,
secondo dati di Protezione Civile e Cnr, "migliaia di vittime e danni
per un costo stimato - da Cresme e Ance - per il periodo 1944/2012, in
oltre 240 miliardi di euro in cui - come ricorda Legambiente - nell'82%
dei comuni sono presenti zone a elevata esposizione al rischio
idrogeologico". (Set/ Dire) 12:44 19-11-13 NNNN NNNN

domenica 10 novembre 2013

Dopo 20 anni posso raccontare perché anche io sono uno che si sente Mostarino.

Dopo 20 anni posso raccontare perché anche io sono uno che si sente Mostarino. Mostar è ancora oggi nei guai. Seicentomila turisti la scorsa estate sono la speranza ma ancora molto dobbiamo fare per il ritorno a una vera convivenza.
Mostar. Io arrivai dopo, e trovai lo sfacelo.... Io non ho mai visto il Ponte Vecchio di Mostar originale. Quando arrivai per la prima volta c'era una passerella tra le macerie che faceva paura a camminarci. Ma quando lo vidi ricostruito, nel 2004, mi si appannò la vista. Quale essere primitivo e selvaggio poteva essere regredito a uno stadio di alienazione tale da poter ordinare l'abbattimento di un segno quasi trascendentale della geniale bellezza e inventiva umana?
Lo Stari Most (vecchio ponte) è un arco in cielo, come un riferimento e ammonimento: "Umani, voi sapete e potete fare, creare, invenzioni oltre ogni vostra stessa immaginazione. Questo ponte lo dimostra in modo inoppugnabile. Ma potete solo se volete". Questo è quello che a mio immodesto parere significa lo Stari Most e che dovette sbalordire per secoli e ancora sbalordisce. Resta un mistero ancora come sia stato possibile costruirlo e per questo è una sfida alla fratellanza e all'ingegno. E questa sfida come si sa, infastidisce i primitivi, i selvaggi, i violenti, i perfidi, gli alienati. Coloro che vogliono restare nella melma dell'ignoranza odiano la Creazione e la Cultura e solo loro possono essere capaci di distruggere un ponte venerato o una biblioteca antichissima.
Arrivai a Mostar trasportato in una utilitaria da un addetto stampa della Repubblica di Herzeg-Bosna. Un tentativo di creare una enclave croato bosniaca che stava per essere smantellato. Questo distinto signore che credo fosse in origine un insegnante mi disse: "Dovete cominciare a portare libri invece di cibo, altrimenti la guerra non finirà mai". Niente male pensai. A Mostar la guerra era appena finita mentre altrove si combatteva parecchio. Era la fine del 1994. Il cessate il fuoco di Mostar fu firmato a Washington. "Gli Accordi di Washington furono degli accordi di pace tra i croati della Bosnia ed Erzegovina e la Repubblica di Bosnia ed Erzegovina (l'unico Governo internazionalmente riconosciuto), svolti a Washington DC e a Vienna con la mediazione degli Stati Uniti, conclusisi il 1º marzo 1994 e siglati a Washington il 18 marzo successivo. Gli accordi furono firmati dal Primo Ministro bosniaco, Haris Silajdžić, dal Ministro degli Esteri croato Mate Granić e dal Presidente dell'autoproclamata Repubblica Croata dell'Herceg Bosna Krešimir Zubak. In base a tali accordi i territori controllati dai croati di Bosnia venivano riunificati a quelli controllati dalle forze governative della Bosnia ed Erzegovina con la creazione di una Federazione Croato-Musulmana che prendeva il nome di Federazione di Bosnia ed Erzegovina. Il sistema amministrativo si componeva di cantoni affinché nessun gruppo etnico potesse acquisire sugli altri una posizione politica dominante. La nuova federazione veniva divisa in base a tali accordi in 10 cantoni di cui 5 bosniaci, 3 croati e 2 etnicamente misti, vale a dire con procedure legislative speciali per la protezione dei gruppi etnici costituenti." (http://it.wikipedia.org/wiki/Accordi_di_Washington)
Per la prima visita rimasi dalla parte croata e alla seconda incontrai la dottoressa Gianfranca Russo che lavorava per ARCS, la NGO dell'ARCI. Questa quel giorno mi disse: "Vuoi venire a vedere l'ospedale di Mostar Est (bosniacco-musulmano)?". Andammo a quella che era l'area dei mercati dove dentro un enorme hangar fetido e maleodorante era situato l'ospedale diretto dal dottor Imamovic. "Devo vedere un ragazzino, aspettami qua" - restai all'entrata. Dentro l'hangar erano sistemati moduli trasportabili di formato container, ognuno con un arredo determinato, modulo sala operatoria, modulo letti degenza, modulo uffici direzionali. Il tutto avvolto in un fetore micidiale. "Questo ragazzino qui non lo può curare nessuno. Vedi se riesci a portarlo a Firenze". Mi disse la dottoressa Russo. Forse la frase che ha deciso la più travolgente svolta nella mia vita. Senza alcuna cognizione partii in automatico per portare Semir a Firenze. Dopo la triste storia di Semir (io e suo padre siamo quasi fratelli ormai), divenni molto popolare a Mostar fra le madri di bambini malati e portai al Meyer di Firenze diversi altri piccoli ammalati. Con molti sono ancora in contatto e in formidabile amicizia. Ecco perché Mostar è una delle mie città, delle mie Hometown. Mi sento un poco mostarino anche io.
Ecco la storia del primo ricovero così come la comunicai: SEMIR Comunicato Stampa - 12 giugno 1995 Il Policlinico di Careggi ospiterà un ragazzo di Mostar est gravemente malato. Nelle prossime ore arriverà a Firenze con il padre. E' affetto da un grave tumore ed è impossibile curarlo nella sua città. Subito disponibile la Direzione Sanitaria e la sezione di Radioterapia. Semir è un ragazzo musulmano di 11 anni affetto da un osteosarcoma periostale, cioè da un tumore all'anca sinistra e nella parte est della città erzegovese non può trovare cure adeguate. Tra le molteplici organizzazioni italiane che operano in difficili condizioni per tenere unita la città dilaniata due anni fa da una guerra fratricida, è presente anche l' ARCI nazionale con la sigla ARCS. Gianfranca Russo, Enzo Piperno, Corrado Minervini e molti altri lavorano a progetti per rialzare il livello dell'assistenza sanitaria in ambedue le parti della città contro una minoranza di estremisti nazionalisti che fa di tutti per boicottare chi tenta di ricucire il baratro fisico e psicologico tra le due etnie e di sedare la tensione di tutti in una realtà dove tutti tengono in casa un arsenale e non si sa cosa accadrà domani. Nel salone dell'Hôtel ERO a Mostar ovest, dove ha sede la amministrazione europea della città, l'EUAM, in mezzo ai tavoli spesso è appeso un cartello che avverte di possibili bombardamenti da parte delle artiglierie serbe che sono a meno di dieci chilometri dalla città. Il "sindaco" tedesco Koschnik e la sua équipe di esperti fa il possibile per non far fallire il primo esperimento di forza amministrativa di pace mai visto in Europa, al quale partecipano anche poliziotti di vari paesi compresi i Carabinieri, che non di rado si incontrano durante la ronda urbana e che sono gentilissimi. Mostar ovest ha un ospedale composto da moduli da campo dentro container. Il tutto è montato dentro un capannone industriale appena fuori città sulla statale principale in direzione dell'adriatico. Vicino ci deve essere una discarica visto il fumo ributtante che lo avvolge. Fuori una ambulanza con la mezzaluna rossa dono del Kuwait. Visitato sul posto, la Dottoressa Gianfranca Russo, decide di attivare più canali per ricoverarlo il prima possibile in Italia. Con poche telefonate riusciamo ad avere conferma che Careggi è disponibile. Una breve ed efficace catena di solidarietà che già si pensa di utilizzare per altri casi analoghi. Senza formalità abbiamo chiamato da Mostar, l'amico Beppe Pirrone, poi Benedetto Annigoni che ha chiamato Il Professor Boncinelli che assieme al Dottor Marsili ha provveduto ha chiedere l'assenso del responsabile sanitario Dottor Trianni che ha risposto in pochi minuti. Nel frattempo abbiamo contattato il Sindaco Primicerio che ha garantito il suo interessamento per alloggiare il padre del ragazzo. E' così iniziata la procedura burocratica per l'espatrio del ragazzo dalla Bosnia Erzegovina, che ha necessitato qualche giorno di attesa. In queste ore il ragazzo sta giungendo a Firenze. FUORI DALLE ZONE SOTTO ASSEDIO COME SARAJEVO, BIHAC, GORAZDE, NON E' IL CIBO CHE NECESSITA, MA DENARI PER ACQUISTARE ATTREZZATURE SANITARIE E SCOLASTICHE. Pur in condizioni difficili la popolazioni, vittime di una aggressione durissima desiderano solo poter vivere in modo dignitoso, riattivando anche le attività economiche e commerciali. Per questo non sono più così importanti gli aiuti alimentari non richiesti, ma sostegno economico e culturale. 12 giugno 1995 Claudio Gherardini from: ARCS - Mostar - phone no. 387 88 313770 Jun. 06 1995 01:44 am I dati del bambino: Semir Nato: 10.07.1984 a Mostar Paternità: Nato: Clinica ortopedica di Mostar Diagnosi ortopedica: Osteosarcoma periostale (juxta articularis) sinistro eseguiti RX femore Proposta: Pregasi inviare presso centro specialistico in Italia Comunicato Stampa - 19 giugno 1995 Semir è ora al Meyer Semir è un ragazzo musulmano di 11 anni affetto da un osteosarcoma periostale, cioè da un tumore all'anca sinistra e nella parte est della città erzegovese non poteva trovare cure adeguate. Per questo i medici hanno contattato i colleghi del Policlinico di Careggi ed è stato possibile effettuare il viaggio. Dal reparto del Dott. Capanna del CTO, domenica scorsa Semir, accompagnato dal padre, è stato trasferito nell'ospedalino Meyer, nel reparto di oncoematologia diretto dalla Professoressa Bernini, dove si sta iniziando le terapie del caso, nel disperato tentativo di salvarlo. Ormai sono tantissimi coloro che hanno contribuito a rendere possibile l'ospitalità di Semir e Halil Sunje a Firenze. Impossibile fare tutti i nomi, ma indispensabile ringraziare tutti, compresi coloro che hanno telefonato per dare un contributo, che andrà direttamente nelle mani degli ospiti. Ringraziamo anticipatamente anche quanti vogliono contribuire che possono chiedere informazioni al numero 0336/602402. 19 giugno 1995 Claudio Gherardini COMUNICATO STAMPA Semir non ce l'ha fatta. Il piccolo Semir di 11 anni, arrivato da Mostar est assieme al padre perché affetto da grave forma tumorale è spirato attorno alle ore 21.00 di martedì 27 tra lo sgomento di quanti gli sono stati vicino sino all'ultimo, del personale del reparto oncoematologia dell'ospedale Meyer e del primario Professoressa Bernini, impotenti di fronte al male che ha divorato il ragazzo e che già aveva compromesso l'esito di qualsiasi cura, peraltro tentata. Giunto il 10 scorso assieme al padre Halil, Semir aveva mostrato di essere felice di quanto si stava facendo per lui e sperava di tornare presto alla sia passione, giocare al calcio con la sua squadra dalla parte musulmana della città Erzegovese di Mostar. Suo desiderio era acquistare un paio di belle scarpe da calcio in Italia. La morte di Semir può essere considerata effetto indiretto del conflitto in atto. In tempo di pace o anche solo senza l'assedio a Sarajevo, sarebbe stato possibile ricoverare i curare il piccolo già da tempo con discrete possibilità di salvarlo. La Prof. Bernini ha confermato che l'osteosarcoma alla gamba sinistra fosse stato curato con qualche settimana di anticipo avrebbe potuto essere battuto prima che la metastasi attaccasse i polmoni in modo irreparabile. Purtroppo non è stato possibile intervenire prima dato il collasso delle strutture sanitarie dello Stato Bosniaco e nonostante l'intervento del volontariato italiano a Mostar che è costretto a lavorare in condizioni di grave disagio. Un grazie di cuore da parte del padre di Semir va a quanti hanno mostrato solidarietà e contribuito alla permanenza a Firenze. Decine di cittadini che hanno anche improvvisato raccolte di denaro e tanti connazionali bosniaci e croati che si sono recati a visitare Semir dando conforto ai due. e Semir dando conforto ai due. Claudio Gherardini PS: RINGRAZIAMENTI Un grazie particolare a chi ci ha aiutato fino ad oggi! Nel corso del 1992 ad oggi sono state centinaia di persone che ci hanno aiutato e non possiamo elencarle tutte. Ricordiamone alcuni in ordine sparso: gli ascoltatori di Controradio, i dipendenti del CNA di Firenze, della Bassilichi, della Trattoria Cammillo, Antonino Caponnetto, Laura Abbozzo, Giovanna Pecci, Chiara Giachetti e i suoi amici, Rete Radie Resch di Quarrata, Ospedale Meyer, Ospedale Santa Chiara Pisa Oncologia Pediatrica, Elisoccorso di Montecalvoli, Prefetture di Pistoia e Pisa, Aereonautica Militare Italiana Base di Pisa, Contingente Militare Esercito Italiano in Bosnia Erzegovina,Ambasciata d'Italia a Sarajevo, Pier Giuseppe Calà, il Trippaio di viale Giannotti-Firenze